Informatore


             INFORMATORE PARROCCHIALE             
                 Via Redipuglia 2 Tel. e fax 0332 42425565                   
      PARROCCHIA SAN LORENZO  
     
         ANNO IX - n° 7  -   18 febbraio  2018

 

AGENDA LITURGICA  
Liturgia delle ore: 1^ settimana del salterio
Lezionario Festivo: Anno B  - Feriale: Anno II

Domenica 18 febbraio 2018 –
PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA
Is 57, 21-58,4a; Sal 50; 2 Cor 4, 16b-5,9; Mt 4, 1-11
Ore   9,00 S. Messa def. Bernasconi Angelo
Ore 11,00 S. Messa def. Fanelli Mario e famiglia
Ore 12,00 Benedizione 60° di matrimonio Anna e Claudio
Ore 18,00 S. Messa def. fam. Fogliata e Pagani
 
Lunedì 19 febbraio 2018 –
Gen 2, 18-25; Sal 1; Pr 1, 1a.20-33; Mt 5, 1-12a
Ore  8,30 S. Messa def. Clerici Enrichetta

Martedì 20 febbraio 2018  –
Gen 3, 1-8; Sal 118, 1-8; Pr 3, 1-10; Mt 5, 13-16
Ore  8,30 S. Messa def. Pennino Giuseppe

Mercoledì 21 febbraio 2018 –
Gen 4, 1-16; Sal 118, 9-16; Pr 3, 19-26; Mt 5, 17-19
Ore 20,30 S. Messa def. Agata. Francesco e Francesco Saverio
                                                                    
Giovedì 22 febbraio 2018  – 
Gen 4, 25-26; Sal 118, 17-24; Pr 4, 1-9; Mt 5, 20-26
Ore   8,30 S. Messa def. Ligorio Ivo
Ore 18,00 S. Messa a S. Rita def. Gesualdo e Mirella

Venerdì 23 febbraio 2018  –    
ore   8,30 Via Crucis   
ore 16,00 Via Crucis a S. Rita 
ore 17,00 Via Crucis per ragazzi         
ore 20,30 Via Crucis guidata dal Centro Aiuto alla Vita         
Lett. nella celebr. vespri: Dt 1, 3-11; 1Sam 12, 1-11; Es 3, 1-12; 1Re 3, 5-14

Sabato 24 febbraio 2018  –  
Os 6, 4-6; Sal 111; Rm 13, 9b-14; Mt 12, 1-8  
Ore   8,30 S. Messa
Ore 18,00 S. Messa vigiliare a S. Rita def. Antonicchio Angela
 
Domenica 25 febbraio 2018 –
SECONDA DOMENICA DI QUARESIMA  “della Samaritana”
Dt 5, 1-2.6-21; Sal 18; Ef 4, 1-7; Gv 4, 5-42
Ore   9,00 S. Messa def. Vidale Silvano
Ore 11,00 S. Messa def. Adelina e Ottavio
Ore 18,00 S. Messa def. Pino e nonni



IMPEGNO SETTIMANALE
Cerco di riconoscere le tentazioni presenti nella mia vita
personale e nell’ambiente in cui vivo



AGENDA PASTORALE
Domenica 18 febbraio
Imposizione delle ceneri
Ore 19,00 Incontro 2^ media
Ore 21,00 Incontro Adolescenti 2-3 superiore

Lunedì 19 febbraio
Ore 17,30 Catechismo 1^ media
Ore 21,00 Coro

Martedì 20 febbraio
Ore 17,00 Catechismo 5^ el

Mercoledì 21 febbraio
Ore 14,30 Incontro Terza Età
Ore 15-17 Centro Caritas
Ore 20,45 18/19 MaGuSs
Ore 21,00 Catechesi 1^ sup.
ORE 21,00
Il consiglio pastorale invita tutti a partecipare all’incontro per offrire
il contributo del proprio pensiero a riguardo del tema del Sinodo “Chiesa dalle genti”

Nella nostra parrocchia riscontriamo la presenza di cattolici
di altre nazionalità e come li accogliamo?


Giovedì 22 febbraio
Ore 17,00 Catechismo 3^ el
Ore 21,00 CORSO PREMATRIMONIALE
7° incontro di preparazione alla
Celebrazione del Matrimonio
 
Venerdì 23 febbraio
ore 17,00 l catechismo di 4^ el
 
Sabato  24 febbraio
ore 9,00 1° incontro di quaresima 2 elementare
Ore 15-17 Confessioni
Ore 18,30  Incontro 3^ media

Domenica 25 febbraio
Ore 9,00 Domenica insieme 4^ elementare
Ore 19,00 Incontro 2 media
Incontro  Ado 2-3 sup

 
 
Preghiera
Penitenza
Carità

 
             Quaresima 2018   
 Messaggio del Santo Padre
 Cari fratelli e sorelle,
ancora una volta ci viene incontro la Pasqua del Signore! Per prepararci ad essa la Provvidenza di Dio ci offre ogni anno la Quaresima, «segno sacramentale della nostra conversione»,[1] che annuncia e realizza la possibilità di tornare al Signore con tutto il cuore e con tutta la vita…
Anche quest’anno, con il presente messaggio, desidero aiutare tutta la Chiesa a vivere con gioia e verità in questo tempo di grazia; e lo faccio lasciandomi ispirare da un’espressione di Gesù nel Vangelo di Matteo: «Per il dilagare dell’iniquità l’amore di molti si raffredderà» (24,12)…
Vorrei che la mia voce giungesse al di là dei confini della Chiesa Cattolica, per raggiungere tutti voi, uomini e donne di buona volontà, aperti all’ascolto di Dio. Se come noi siete afflitti dal dilagare dell’iniquità nel mondo, se vi preoccupa il gelo che paralizza i cuori e le azioni, se vedete venire meno il senso di comune umanità, unitevi a noi per invocare insieme Dio, per digiunare insieme e insieme a noi donare quanto potete per aiutare i fratelli!
 
Verso il voto
Messaggio dei vescovi lombardi
Mentre prosegue l’intensa campagna elettorale, la Conferenza Episcopale Lombarda ritiene opportuno offrire ai propri fedeli alcune indicazioni pastorali, per incoraggiare alla serenità e alla responsabilità nel cammino di preparazione a questi importanti appuntamenti.
La premessa fondamentale è che i cristiani, come tutti i cittadini italiani, vogliono riaffermare la necessità di una buona politica. Le comunità cristiane devono essere non solo voce che chiede e critica, ma piuttosto luogo di formazione per accompagnare le persone alla maturità, quindi anche alla capacità e passione per un impegno politico coerente e generoso.
A nessuno può sfuggire l’importanza dell’esercizio del diritto-dovere del voto: con esso si concorre infatti a determinare l’indirizzo politico del proprio Stato e della nostra Regione. Chi non va a votare non è uno che si astiene dal voto; è piuttosto uno che decide che siano altri a decidere per lui.
Ci aspettiamo che il confronto tra le parti sia il più sereno possibile e non gridato, su programmi ben articolati, sinceri e reali nelle promesse. Si devono curare le condizioni perché il popolo degli elettori possa compiere a ragion veduta la scelta che giudica più valida. Chiunque sarà chiamato a governare avrà il compito di rafforzare le condizioni per un vivere insieme che rigeneri fiducia e legami tra le persone. Soltanto a questa condizione si potranno affrontare le questioni urgenti che permetteranno di riaccendere una stagione di rinascita dopo una crisi che ha lasciato tra noi ben evidenti tanti segni di declino, in Italia come nella nostra Regione Lombardia.
Questo clima di fiducia sarà realizzabile se insieme lavoreremo per salvaguardare dall’erosione dell’individualismo i nessi fondamentali che sostengono la nostra vita comune:
– la famiglia, e in particolare la sua capacità di donarci il futuro attraverso le nuove nascite;
– i giovani, sviluppando progetti per il loro futuro anzitutto lavorativo: soltanto in questo modo i giovani potranno sentirsi parte attiva e motore del rinnovamento sociale che tutti auspichiamo;
– le tante forme di povertà che rischiano di non coinvolgerci nemmeno più emotivamente, talmente sono visibili e diffuse nei nostri territori urbani;
– i legami sociali, promuovendo processi di accoglienza e integrazione che evitino di scaricare sui migranti stranieri e sui profughi l’insoddisfazione per i problemi che non sappiamo risolvere
– la regolamentazione della finanza affinché sia a servizio di una giusta economia e di ogni uomo;
– il dialogo e il sostegno all’imprenditoria perché tuteli e crei nuova occupazione, favorendo una ripresa più promettente.
Alla politica, ai politici chiediamo anche attenzione alle grandi questioni che il progresso della scienza mette nelle nostre mani, come oggetto di un discernimento necessario: le questioni etiche rilevanti della vita, della morte, della dignità e sacralità della persona.
Chiediamo attenzione perché la presenza dei cattolici nelle diverse parti in competizione non si ripercuota in termini di lacerazione dentro il corpo vivo delle comunità: la Chiesa non si schiera in modo diretto per alcuna parte politica. Ciò significa che tutti – in particolare coloro che si propongono come candidati – si guardino dalla tentazione di presentarsi come gli unici e più corretti interpreti della Dottrina sociale della Chiesa e dei valori da essa affermati. Occorre educarsi maggiormente sia alla condivisione dei medesimi principi ispirati alla retta ragione e al Vangelo, sia al rispetto dell’ineludibile diversità di esiti dell’esercizio di discernimento e della conseguente pluralità di scelte. Su ciascuna di queste scelte – purché siano coerenti con i principi derivanti dalla medesima ispirazione cristiana – il giudizio andrà formulato a partire dalle ragioni addotte a loro sostegno, dalla loro percorribilità ed efficacia, dal rispetto che esse esprimono e promuovono del sistema democratico.